Ti racconto "Minutes to Midnight", di Trent Parke

Ti racconto "Minutes to Midnight", di Trent Parke

Analisi Monografia

Minutes to Midnight è uno dei primi lavori stampati e rilegati di Trent Parke. La sua prima pubblicazione risale al 2013.

La copertina grigia, caratterizzata da una trama al tatto molto rugosa e da quest'immagine lugubre di pipistrelli in volo, spicca immediatamente, rapendo la nostra attenzione.

La monografia affronta il tema del ciclo della vita. Trent Parke lo descrive attraverso l'utilizzo di queste fugaci visioni della realtà che sembrano frutto di un viaggio catartico, affrontato da lui, verso l'accettazione della morte, come forma di liberazione e di rinascita.

Fotograficamente, sceglie di interpretare questo tema decidendo di costruire una linea narrativa basata su più tappe. Parte dallo scattare immagini nei momenti successivi alla scomparsa delle ultime ore di luce della giornata, per poi continuare con istantanee della vita notturna - vissuta da uomini, animali e creature misteriose.

I soggetti di Trent sono spesso immersi in spazi immensi, illuminati da una luce fioca e visibilmente in preda a qualche forma di delirio. Alcuni sono riconoscibili, altri invece sono nascosti dietro un bagliore accecante o un mosso che ne distorce i lineamenti.

Lo stile, tipico dell'autore, è contraddistinto dall'utilizzo di queste ombre avvolgenti, pervase da queste atmosfere inquietanti e senza vie di uscita, e da questa estenuante sensazione di pericolo incombente. L'oscurità ne fa da padrone e ogni creatura al suo interno sembra uscita da un film horror.

Il tema della morte risuona ad ogni pagina: a volte in maniera evidente, con corpi o feti gettati sulla nuda strada, e a volte solo metaforicamente. Il rapporto tra Thanatos ed Eros è molto forte e sembra volerci spingere a chiederci quale sia la soluzione per scampare alla caducità della nostra esistenza - se mai ne esista una.

Trent non ha trovato una risposta che valga bene per tutti, ma il messaggio che sembra lasciarci è un messaggio di ottimismo e di speranza: perché se una vita vede la sua conclusione in qualche parte del mondo, un'altra vede la luce per la prima volta. Allora perché essere tristi?

Il progetto è composto da una cinquantina di fotografie in bianco e nero. Dal video puoi notare come alcune pagine vengano lasciate bianche ed altre invece riempite fino al margine. La scelta è dovuta al voler dare più respiro a certe fotografie, più forti e lancinanti alla vista, e permettere al lettore di poterne assaporare ogni minimo particolare.

A mio modesto parere è un progetto che ti colpisce, lì, dove fa più male, e che ti lascia senza fiato. Un lavoro che ci ricorda come la nostra vita sia un percorso condito da tanti elementi ma destinato ad un'unica conclusione: la morte, che ci rende tutti simili e legati insieme.

Trent Parke: il fotografo delle atmosfere cupe
Non sempre la fotografia di strada è sinonimo di felicità ed ironia e lo sa bene Trent Parke che, tramite la sua personale visione delle fotografia, riesce a narrarci gli aspetti più profondi e toccanti della sua vita. La scelta di parlarvi di lui nasce da una mia esigenza di
Diventa un Sostenitore 💞
Insieme, per il futuro della fotografia di strada italiana e della buona culturafotografica. Con poco possiamo costruire tanto. Unisciti a noi. Sostenitore 🌟Un piccolo contributo mensile per chi ha a cuore le sorti del progettoeditoriale. Con questo piano ottieni: * 💞 L’ebbrezza di sostenere…

Rompi gli schemi. Vivi la Street Photography al 100%

Unisciti ai lettori di EXTRA ed apri le porte ad un mondo di contenuti esclusivi di approfondimento sulla fotografia di strada, sulla gestione del flusso di lavoro e sulla crescita delle proprie doti autoriali. Ogni settimana un nuovo contenuto.

Clicca qui per saperne di più ◎