People in Tokyo. Il ritratto della città di Yutaka Takanashi.

People in Tokyo. Il ritratto della città di Yutaka Takanashi.

Tokyo.

Anni difficili, anni di grandi rivoluzioni.

In strada il rumore delle macchine è incessante, opprimente; una gru, più alta di dieci palazzi messi in fila, sta costruendo l'ennesimo grattacielo, pronto a solcare i cieli e a fendere il vento; i passanti, oberati di impegni, raggiungono il loro posto di lavoro, schivando cantieri, e buche, che il giorno prima neanche esistevano.

Nella capitale di uno dei paesi più affascinanti del globo si sta per consumare un miracolo, quello economico, che porterà splendore, prestigio e ricchezza al popolo giapponese.

Siamo a fine anni '60, l'epoca del "Made in Japan", segno di qualità e durevolezza.

Yutaka Takanashi, a quei tempi, era solo un giovane impertinente e sognatore; attaccata al collo sempre la sua fotocamera; in tasca, decine di rullini, pronti a cogliere il cambiamento della sua terra e dei suoi coetanei.

Tokyo-jin (1965) di © Yutaka Takanashi

"People in Tokyo" è la sua raccolta che documenta, con uno sguardo libero da schemi e pressioni politiche, lo sviluppo economico di Tokyo, visto attraverso le persone, i simboli e le influenze occidentali.

La serie, impreziosita da un brillante e tenue bianco e nero, ci porta nel cuore della capitale giapponese, non più luogo preistorico e obsoleto, ma incubatore di innumerevoli stimoli visivi e culturali provenienti dalla contemporaneità.

Yutaka Takanashi mette dentro al suo mirino, quasi inconsciamente, lo spirito dei tempi moderni, relegando bambini ed anziani ai margini, ed elevando i lavoratori, e le lavoratrici, studenti e studentesse, ad icone del nuovo Giappone.

Tradizione ed innovazione, unite insieme.

Nelle sue immagini ogni soggetto si staglia a vista d'occhio dal resto della folla, dall'ambiente, assumendosi il compito di definire un'attinenza, e prendere parte, nel mentre, a questo nuovo ed enorme puzzle dai risvolti inopinabili.

Tokyo si fa grande e globale, davanti ai nostri occhi, ma ha ancora qualche scheletro nell'armadio.

Lo spettro della Seconda Guerra Mondiale aleggia nei volti e nei luoghi che fanno da sfondo a queste fotografie. Dimenticarsi del passato è complicato e i giapponesi, popolo orgoglioso ed attaccato alle tradizioni, fa fatica ad accettare la sconfitta.

Questo lavoro, illuminato da una luce ottimistica e, a tratti, esitante, accende gli animi dei suoi osservatori e mette ancora più in evidenza la grinta di una comunità, operosa e responsabile, e il contributo americano al suo sviluppo.

C'è nostalgia del passato, ma anche la voglia di riprendersi il posto che gli spetta.

Yutaka Takanashi è giovane e vuole metterci del suo. È stanco di sentirsi dire che tutto ormai è perduto. Qualcosa, nel profondo, è destinato a risorgere, in meglio, per un bene comune. Perché allora non fotografarlo?

Tokyo-jin (1965) di © Yutaka Takanashi

Il Giappone deve cambiare e lo sta facendo nel migliore dei modi: creando connessioni e puntando sull'economia del paese. Il passato, quello negativo, va assorbito e sradicato. Tokyo è il futuro della nazione.

Yutaka Takanashi ha colto perfettamente lo spirito dei tempi, portandoci una narrazione del Giappone rilassata, riflessiva e potente sulle strade, che da lì a poco, verranno calpestate, lungamente, anche da noi occidentali.

Eh si, non sarà una fotografia dirompente ed esasperata come quella dei colleghi Daido Moriyama o Takuma Nakahira, ma comunque raggiunge il suo obiettivo: mostrarci un volto inaspettato, e storico, dell'Oriente che fu.

Una Street Photography efficace, diretta, e che non si esime dal voler documentare, come tanti altri, la metamorfosi di un popolo, perché questo, se ancora non ne fossi totalmente convinto, è quasi impossibile da arrestare.

La fotografia, anche quando si fa di tutto per screditarla, è sempre un documento informativo - nel bene e nel male. Yutaka Takanashi è, prima di tutto, un giornalista, e questo lavoro, ricco di malinconia e curiosità, rimane uno splendido esempio di come rendersi utile al mondo.

La Tokyo, prima di Yutaka, è ormai solo un lontano ricordo.

Chi è Yutaka Takanishi?

Yutaka Takanishi è un fotografo di origini giapponesi. Nel 1953 si laurea alla Tokyo Metropolitan Aoyama High School e viene assunto al dipartimento fotografico della Nihon University. Ha contribuito allo sviluppo della rivista Provoke. È tra gli artisti orientali più influenti del XX Secolo.

Leggi pure:
La Cultura Giapponese sulla Street Photography
Armoniosa, poetica ed ambigua: sono questi tre aggettivi che potrebbero ben delineare la Street Photography giapponese nelle sue molteplici forme rappresentative. Autori come Daido Moriyama, Tadashi Onishi e anche il tanto discusso Araki sono sicuramente i principali rappresentanti di questo genere…
Diventa un Sostenitore 💞
Aiutami a rendere The Street Rover un posto migliore, per me, per te, per chi è alla ricerca di un luogo sicuro in cui crescere e parlare di fotografia, quella vera. Sostenitore 🌟 Un piccolo contributo mensile per chi ha a cuore le sorti del progetto editoriale. Con questo piano ottieni:

Rompi gli schemi visivi. Vivi la tua fotografia di strada al 100%

Unisciti ai lettori di EXTRA ed apri le porte ad un mondo di contenuti esclusivi di approfondimento sulla fotografia di strada, sulla gestione del flusso di lavoro e sulla crescita delle proprie doti autoriali. Ogni settimana una risorsa incredibile.

Clicca qui per iniziare il percorso ◎